Adoro Te – Spingola

  • Version
  • Scarica 0
  • Dimensioni file 85.63 KB
  • Data di Pubblicazione 18 Luglio 2020

Il nostro fondatore riassume in un mottetto il primo e l'ultimo versetto di questa preghiera che in realtà è un inno eucaristico, uno dei cinque attribuiti a San Tommaso d'Aquino, scritti in occasione dell'introduzione della solennità del Corpus Domini nel 1264 su commissione di papa Urbano IV; affronta il tema teologico e mistico della inabitazione (reciproca indipendenza fra lo stato e i vari culti e religioni). Viene utilizzato durante le adorazioni eucaristiche e nelle preghiere di ringraziamento al termine della S. Messa, allo spezzare del pane.

Adoro Te devote, latens Deitas, Quae sub his figuris vere latitas: Tibi se cor meum totum subiicit, Quia te contemplans totum deficit. Iesu, quem velatum nunc aspicio, Oro fiat illud quod tam sitio; Ut te revelata cernens facie, Visu sim beatus tuae gloriae. Amen.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi