Quanno a Jesu – Spingola

  • Version
  • Scarica 0
  • Dimensioni file 497.50 KB
  • Data di Pubblicazione 5 Luglio 2020

I canti calabresi di religiosità e devozione popolari sono stati nel tempo molteplici; il nostro fondatore ne è particolarmente attratto per permetterne, nella raccolta e nella rivisitazione, una seconda giovinezza ed una diffusione capillare nazionale. Molte erano le occasioni in cui le precedenti generazioni di calabresi si riunivano insieme per pregare ed invocare con il canto popolare la grazia e la speranza (feste del patrono, il periodo pasquale, il periodo della natività, le ricorrenze liturgiche..). Questo brano, strofico ed intensamente coinvolgente, spiega in musica il periodo che passa dal momento in cui i soldati romani presero Gesù per processarlo e crocifiggerlo, al momento in cui il corpo di Cristo è stato accudito ed adagiato al sepolcro; la protagonista è sempre Maria, madre di Gesù, che spiega quello che ha visto con i suoi occhi bagnati dalle lacrime. Le molteplici strofe sono necessarie per la concretezza del racconto permettendo così al popolo di cantare durante una processione......

Quann'a Jesu lu pijavanu, 'n Chiesa granna lu purtuavanu, 'a Madonna darrier'a la porta, ki sentia li straffilati.......

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi